Inauguriamo oggi le Caatalog's Stories, una rubrica dedicata alle librerie che hanno scelto di utilizzare Caatalog come soluzione gestionale. Il format è molto semplice: quattro domande al libraio e un citazione.

Oggi è il turno di Gabriele, libraio della Libreria Cremasca.


Gabriele, perché hai scelto di fare il libraio?

Aprire la Libreria Cremasca è stata la naturale prosecuzione delle nostre storie e delle nostre formazioni. Siamo entrambi storici dell'arte, da sempre impegnati nel settore culturale e nella promozione del territorio, anche attraverso la pubblicazione di libri.

Aprire una libreria è una meta importante per noi e un modo per produrre Cultura.


Qual è la soddisfazione più grande del tuo lavoro?

Ordinare un libro che ami, accarezzare l'idea contenuta nel libro, esporlo, mostrarlo, raccontarlo e venderlo. Vendere un libro è una forma diversa di racconto.


Uno scaffale della liberia Cremasca


Perché un lettore dovrebbe comprare da una libreria indipendente?

Perché il rapporto con il libraio indipendente è diverso, più diretto e profondo. Il libraio sa ascoltare, consigliare. E anche perché, se ordini un libro in libreria, non corri il rischio che il corriere non ti trovi a casa. In libreria il libro ti aspetta.


Perché avete scelto Caatalog per la vostra libreria?

Volevamo un gestionale snello, veloce e adattabile alle esigenze di una libreria indipendente nuova e in continua evoluzione. Caatalog ha tutte queste caratteristiche ed è veramente comodo.

La tua citazione preferita?

Il libro non è un ente chiuso alla comunicazione: è una relazione, è un asse di innumerevoli relazioni.

Jorge Luis Borges, Altre Inquisizioni

Visita il sito della Libreria Cremasca!