Tornano le Caatalog Storie's. Quattro domande ai librai che hanno scelto Caatalog come soluzione gestionale.

Oggi è con noi Cristina, libraia de "La Gatta Libraia", a Tortolì..


Cristina, perché hai scelto di fare la libraia?

Principalmente per la passione per i libri che ho sin da quando ero bambina, ma anche perché volevo mettermi in gioco andando controcorrente a fronte di ciò che la società ci pone davanti. Inoltre, ritengo sia importante leggere e diffondere la cultura, abbattendo quindi le nuove abitudini (quali tecnologia) che ci allontanano dalle piccole cose.


Qual è la soddisfazione più grande del tuo lavoro?

Dato che sto ancora iniziando ce ne sono diverse, a partire dai complimenti che ricevo quotidianamente. La soddisfazione più grande è vedere i clienti compiaciuti, felici di aver reperito quel libro che tanto desideravano ma non riuscivano a trovare da nessuna parte, i loro occhi brillano in quei momenti e così io sono gratificata.


L'interno di La Gatta Libraia


Perché un lettore dovrebbe comprare da una libreria indipendente?

Stiamo vivendo in un periodo in cui si va di fretta, non ci si gusta il momento, si corre da una parte all'altra senza sapere neppure quale direzione seguire. Comprare in una libreria indipendente implica fermarsi a scegliere tra i titoli, a fare due chiacchiere con la libraia, creare un rapporto umano che va oltre uno schermo piatto. I consigli e la gentilezza non si comprano online, ma fa sempre piacere riceverli durante le nostre giornate, indipendentemente dal nostro ruolo.


Perché avete scelto Caatalog per la tua libreria?

Ho provato Caatalog per due settimane e mi sono trovata bene sin da subito, è molto intuitivo e semplice. Inoltre il rapporto qualità - prezzo è ottimo, lo consiglio a tutti.